Home » Pillole di Psicologia » Parliamo di adolescenza...

Parliamo di adolescenza...

Parliamo di adolescenza... - Psicologia Relazionale Firenze

l'adolescenza... questa misteriosa fase della vita dei nostri figli!

Quel bambino che vi prendeva per mano per attraversare la strada o che voleva la canzone buonanotte tutte le sere è stato rapito dagli alieni e al suo posto vi hanno lasciato un adolescente scontroso, spesso maleducato e del tutto instabile?

Non sapete come fare a parlare con lui/lei?

Vi risponde a monosillabi e della sua vita non sapete davvero nulla?

 

Niente paura!

Tutto questo è più che normale…

Come ci ricorda Minuchin (2009): “I genitori non sanno che pesci pigliare. Ci sono passati anche loro, ma quelli erano altri tempi. Vorrebbero trasmettere la loro saggezza all’adolescente per proteggerlo dalle incertezze della vita, ma si ritrovano con un figlio che non riconoscono: meno obbediente, più lunatico e più imprudente di quanto previsto”.

L’adolescenza impone un cambiamento in tutta la famiglia, questo momento di crisi può destabilizzare anche il sistema più rodato e stabile: i figli si allontanano dai genitori per fare nuove esperienze nel mondo per poi tornare alla sicurezza della famiglia quando il mondo si fa troppo minaccioso e diventa fonte di ansia, gli amici diventano quasi più importanti della famiglia e la ribellione è spesso all’ordine del giorno.

I genitori, dal canto loro, in questo particolare momento, devono ripensare insieme le regole da dare, regole che devono cambiare al cambiare dei bisogni del figlio, e anche questo può essere fonte di discussione nella coppia genitoriale.

Inoltre, bisogna imparare di nuovo a pensarsi come una coppia e non solo come genitori, bisogna ritrovare quegli spazi sociali che sono stati un po’ accantonati con la nascita e la presenza del figlio.

È importante in questo momento potersi ripensare come adulti, come individui e come coniugi e questo può portare ad avere un’immagine di sé e dell’altro che non è più quella a cui si era abituati, ma che nel corso del tempo si è andata modificando.

Questo passaggio, come abbiamo detto, può essere fortemente destabilizzante e, lungi dall’essere patologico, a volte necessita dell’intervento di un professionista per essere superato in modo ottimale sia dai genitori che dai figli.

 

 

Dunque, quando gli alieni vi avranno riportato il vostro piccolo cucciolo trasformato in quell’adolescente scontroso e monosillabico e non saprete che pesci prendere, se volete saperne di più, contattateci!

Dr.ssa A.Schiavoni su

Dr.ssa Alessandra Schiavoni
Psicologi Firenze